"Ci sono crimini peggiori del bruciare libri. Uno di questi è non leggerli" J.Brodsky

Articoli con tag “Ponte alle grazie

“Una storia per l’essere tempo” di Ruth Ozeki

La Libreria Fahrenheit 451 vi consiglia il libro Una storia per l’essere tempo di Ruth Ozeki (ed. Ponte alle Grazie).

Ce ne parla Laura Forelli:

ozekiIn questa storia non c’è una vera e propria trama. Il passato si unisce continuamente al futuro, e viceversa.
La protagonista è una ragazza, Nao, sedicenne, abitante di Tokyo che, a causa del bullismo dei suoi compagni di classe, ci parla in prima persona e ci dice che ha deciso di suicidarsi. Prima di compiere l’atto estremo però, vuole raccontare lo stile di vita della sua bisnonna, una monaca buddista, capace, grazie alla meditazione di “essere tempo” e vivere una vita serena,tranquilla, isolata dal mondo e dalla confusione.
La storia di Nao si incrocia con quella di Ruth, scrittrice che vive nel Pacifico, che tanti anni dopo ritroverà un diario in riva al mare e cercherà di capire da dove potrebbe provenire.

Un mix tra “L’eleganza del riccio” e “Into the wild”, con le massime dell’infelicità estrema e del rifiuto della società, questo racconto, chiaramente scritto nello stile buddista, è molto attuale; Nao, infatti, potrebbe essere paragonata a una qualsiasi altra ragazza un po’ diversa, che rimane quindi, emarginata e nella solitudine.
E’ un romanzo semplice, simpatico e molto piacevole da leggere, lo consiglio ai lettori che vogliono mettere in discussione le proprie certezze.
E non pensate che non ci sia niente di scientifico…

Annunci

Consigliati da Fahrenheit 451

La deriva dei continenti, di Russell Banks (Einaudi)

la deriva dei continenti

Finalmente tradotto in Italia il capolavoro di Russell Banks.

Pochi scrittori hanno saputo fissare uno sguardo cosí umano e lucido sulle vite di chi non ce la fa. Uomini e donne incagliati alla deriva dello scintillante e spietato sogno americano. Che vivono ai margini di tutto, selvatici e inaddomesticabili, mossi solo dalla pura forza biologica di sopravvivere. In questa storia di immigrazione e miseria, di speranze e sogni, si muovono come piccoli continenti alla deriva, si incontrano e si respingono, accompagnati dallo stile sapiente, secco e carico di sofferta pietas, di un maestro del romanzo contemporaneo.

“Va, mio libro, e contribuisci a distruggere il mondo così com’è”
(R. Banks)

Scheda libro

– – –

Parlare da soli, di Andrés Neuman (Ponte alle grazie)

parlare da soliLito ha appena compiuto dieci anni e sogna di fare il camionista. Suo padre Mario è ammalato, e oltre al suo corpo soffre anche la sua memoria. Prima che sia troppo tardi, si mettono in viaggio, un viaggio decisivo, in cui condivideranno molto più che tempo e spazio. Nel frattempo, tormentata dalla perdita imminente, Elena, moglie di Mario, si immerge in un’avventura catartica, che prende spunto dalla sua enorme passione letteraria e sfida i suoi limiti morali.
A capitoli alterni, per raccontare di sè e dell’amore per gli altri, ciascuno dei tre protagonisti prende voce e ‘parla da solo’. Lito è un bambino spaesato, che non ha ancora gli strumenti per capire, ma ha la curiosità e l’intelligenza d’intuire i segni profondi di quel che gli accade attorno. La voce di Marioè dolorosa e straniante: sta perdendo la vita e non ha scelta, non ha futuro: vuole lasciare a chi lo ama il meglio di sè, cerca di immaginare la vita di Lito senza di lui. Elena deve affrontare il terribile dolore della perdita ma riesce ancora ad amare, prova nuovi piaceri proibiti, trova nei suoi amatissimi libri il male d’esistere ma anche un barlume di speranza.
Nelle sue poche pagine, Parlare da soli abbraccia infanzia e morte, dolore e amore, perversione e aspirazione alla salvezza. Il risultato è un romanzo profondamente perturbante, crudele e pietoso assieme, che indaga in un’originale forma di trio l’eterna connessione fra Eros e Thanatos; la nuova opera di uno degli autori più acclamati e talentuosi della sua generazione – non solo in Spagna, ma oggi in tutto il mondo.

Scheda libro