Consigliato: “Randagi”

La Libreria Fahrenheit 451 consiglia: "Randagi" di Marco Amerighi (Bollati Boringhieri) A Pisa, in un appartamento zeppo di quadri e strumenti musicali affacciato sulla Torre pendente, Pietro Benati aspetta di scomparire. A quanto dice sua madre, sulla loro famiglia grava una maledizione: prima o poi tutti i Benati maschi tagliano la corda e Pietro –... Continue Reading →

Consigliato: “La balena alla fine del mondo”

La Libreria Fahrenheit 451 consiglia: "La balena alla fine del mondo" di John Ironmonger (Bollati Boringhieri) «Un romanzo gentile su come evitare l’apocalisse in un angolo remoto della Cornovaglia… un’atmosfera di grande fascino». (Financial Times) Quando un giovane uomo viene ritrovato senza vestiti e privo di sensi sulla spiaggia di St Piran, piccolo paese della... Continue Reading →

Consigliato: “L’apparenza delle cose”

La Libreria Fahrenheit 451 vi consiglia: "L'apparenza delle cose" di Elizabeth Brundage (Bollati Boringhieri) Un tardo pomeriggio d’inverno nello stato di New York, George Clare torna a casa e trova la moglie assassinata e la figlia di tre anni sola – da quante ore? – in camera sua. Da poco ha accettato un posto di... Continue Reading →

Incontro con gli autori Battaglia e Volterra

La Libreria Fahrenheit 451  vi invita:

Recensione: “La figlia del fuorilegge”

La figlia del fuorilegge (Maria Venegas, trad. di Manuela Faimali, Bollati Boringheri) La casa editrice Bollati Boringhieri da qualche mese ha diffuso nel mercato editoriale La figlia del fuorilegge di Maria Venegas. Un romanzo intenso che sullo sfondo di una microstoria familiare costellata di violenza, di lutti e di abbandoni, parla di sentimenti forti quali... Continue Reading →

Consigliato: “A oriente del giardino dell’Eden”

La Libreria Fahrenheit 451 consiglia: A oriente del giardino dell'Eden di Israel J. Singer Traduzione di Marina Morpurgo (Bollati Boringhieri) Mattes Ritter è un venditore ambulante che percorre dal lunedì al venerdì le campagne della Polonia barattando cianfrusaglie con cibo, pelli e qualche spicciolo. Per poi tornare al suo villaggio, alla sua capanna e alla... Continue Reading →

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑