Consigliato: “L’astemio”

La Libreria Fahrenheit 451 vi consiglia:

“L’astemio”
di Ian McGuire
(Einaudi)

astemio«Un romanzo storico formidabile, un autore tra Cormac McCarthy e Raymond Chandler», Philipp Meyer.

«McGuire è un Dickens coniugato al presente, un Dickens per il ventunesimo secolo», The New York Times.

Manchester, 1867. Stephen Doyle ha combattuto nella guerra civile americana, ma è sempre rimasto fedele alla sua Irlanda. Doyle sostiene i suoi fratelli feniani nella lotta contro il dominio britannico: è appena arrivato da New York e la sua sete di vendetta è inestinguibile. L’agente capo James O’Connor si è trasferito a Manchester da Dublino per fuggire dall’alcol e da se stesso. Ora che i feniani terrorizzano la città, è compito suo sventarne i piani sanguinari. Ma quando il giovane Sullivan, suo nipote, decide di fare da informatore, per O’Connor comincia una vorticosa discesa agli inferi della vendetta.

Oltre al suo lavoro di poliziotto, l’agente capo James O’Connor non ha molto altro da perdere: sua moglie è morta e lui ha dovuto lasciare Dublino per fuggire dal dolore e dalla dipendenza dall’alcol. Ora è un irlandese al servizio degli inglesi, e questo significa convivere con il disprezzo dei colleghi e la tirannia dei superiori. E significa anche indagare tra i suoi connazionali. O’Connor può infatti contare su una rete di informatori fidati all’interno della Fratellanza feniana, la società segreta determinata a rovesciare il dominio britannico. Dopo l’impiccagione di tre feniani accusati di aver ucciso un poliziotto, in città la tensione tra inglesi e irlandesi sale ogni giorno di piú. E la situazione precipita con l’arrivo di Stephen Doyle, uno spietato ex soldato appena sbarcato da New York. Doyle è partito dall’Irlanda tanti anni prima, ma le è sempre rimasto fedele ed è disposto a tutto per difendere la causa feniana. Anche a uccidere. A fare per primo le spese della sua sete di violenza è Thomas Flanagan, un giovane informatore. Il ragazzo viene brutalmente giustiziato e la caccia a Doyle diventa una questione privata per il detective. Quando poi Michael Sullivan, il suo nipote ventenne appena arrivato dagli Stati Uniti, viene reclutato dalla polizia per infiltrarsi nella Fratellanza, il destino di O’Connor si stringe a quello di Doyle in un inestricabile nodo di vendetta e morte…

«Un noir ricco di suspense, una perfetta ricostruzione dell’America e dell’Inghilterra di metà Ottocento: come i migliori romanzi storici, L’astemio è tanto moderno e contemporaneo quanto il momento presente», Richard Ford

I commenti sono chiusi.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑