"Ci sono crimini peggiori del bruciare libri. Uno di questi è non leggerli" J.Brodsky

Letture consigliate

Ecco alcune delle nostre ultime letture, che ci sentiamo di consigliare:

La teoria dell’1% – Frédéric H. Fajardie (Aìsara ed.)

In Normandia, teatro del D-Day e patria del calvados, un lugubre figuro vestito di nero si muove nella quiete delle campagne di Pourceauville con una falce in spalla, mietendo una vittima dietro l’altra. L’Uomo nero ha architettato un piano quasi infallibile. Ma c’è un 1% di imprevisto… Il suo nome: Tonio Padovani.
Il commissario più anarchico della polizia parigina, con l’aiuto di una squadra di sbirri a dir poco improbabile, cercherà di scoprire il movente del crimine.

Frédéric H. Fajardie (Parigi, 1947-2008), scrittore e sceneggiatore, assieme a Manchette e Vautrin è fra i creatori del neo-polar, poliziesco di critica sociale nato negli anni Settanta.

Scheda

Confessione – Kanae Minato (Giano ed.)

«La mia Manami non è morta accidentalmente; è stata uccisa da qualcuno di voi».
La figlia dell’insegnante di scienze aveva quattro anni quando, un mese prima della fine dell’anno scolastico alla scuola media S, in una cittadina del Giappone, è stata trovata morta nella piscina dell’istituto. A causa di quello che tutti hanno ritenuto un incidente, la madre ha deciso di abbandonare per sempre il suo lavoro. Ma al termine dell’ultimo giorno di scuola, alla classe che ascolta immobile giunge il glaciale annuncio: lí nella I B, presenti in aula, ci sono due assassini.

Da questo libro è stato tratto l’omonimo film, diretto da Nakashima Tetsuya, candidato agli  Oscar 2011 come  «Miglior Film Straniero».

Scheda

Miracolo a Maiorca – Sebastià Alzamora (Marcos y Marcos ed.)

Isola di Maiorca, anni Venti: Pere de Son Gall, giovane contadino romantico e geniale, ha due sogni. Il primo: costruire una macchina volante dallo stranissimo nome, Cometagiraviò, simile a un elicottero ma molto più leggero e stabile. Il secondo: conquistare il cuore della celestiale Maria Boscana, figlia dei vicini di casa con cui i suoi – accidenti – sono in rotta da una vita.

Sebastià Alzamora è il più celebre scrittore maiorchino.
I suoi sono romanzi intensi, che ritraggono la società e i suoi aspetti decadenti, i conflitti fra umili e potenti. Recentemente, assieme a due scrittori amici, ha lanciato un singolare manifesto dal sapore dantesco: “Lasciate ogni speranza”.

Scheda

Mare di papaveri e Il fiume dell’oppio – Amitav Ghosh (Neri Pozza ed.)

Primo libro di una trilogia dedicata alla nascita dell’India moderna, Mare di papaveri si annuncia come il primo tassello dell’opera della vita di Amitav Ghosh, un’opera che, per forza e ambizione, può rappresentare per l’India moderna quello che libri come Moby Dick hanno rappresentato per l’America: la simbolica narrazione dell’origine di una civiltà nuova sorta dall’incontro-scontro di mondi opposti. Scheda

Secondo romanzo della “trilogia della Ibis”, Il fiume dell’oppio conduce il lettore nelle acque agitate dell’Oceano indiano allo scoppio del primo conflitto dell’oppio. Tra mercanti, soldati della Compagnia delle Indie orientali, coolie, marinai di tutte le razze e lingue e raja in rovina, Amitav Ghosh ricostruisce mirabilmente il mirabile incrocio di culture, guerre e naufragi da cui è sorta l’India moderna. Scheda

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...