"Ci sono crimini peggiori del bruciare libri. Uno di questi è non leggerli" J.Brodsky

Ultima

Incontro con l’autore Bosonetto

La Libreria Fahrenheit 451 vi invita all’incontro presso il palazzo Ghizzoni Nasalli:

BOSONETTO LOCANDINA

Annunci

Consigliato: “Il secondo cavaliere”

La Libreria Fahrenheit 451 vi consiglia:

Il secondo cavaliere
di Alex Beer
Edizioni E/O
Traduzione di Silvia Manfredo

beerAmbientato in una Vienna in rovina all’indomani della Prima guerra mondiale, Il secondo cavaliere è un affascinante romanzo storico e un thriller irresistibile.
Vienna, 1919. Quella che solo pochi anni prima era stata la magnifica capitale di un grande impero è in rovina: miseria, fame, borsa nera, donne costrette a prostituirsi, migliaia di senzatetto, rifugi pieni di reduci di guerra, rabbia sociale, frustrazione per la disfatta e per il crollo dell’Impero austro-ungarico.

Il romanzo si apre con l’omicidio di un reduce della Prima guerra mondiale: l’assassino gli spara alla testa in un bosco alla periferia della città e cerca di farlo sembrare un suicidio. A indagare c’è August Emmerich, che insieme al suo assistente, il giovane e inesperto Winter, sta pedinando un borsanerista.

Emmerich non lavora alla Omicidi, anche se nutre l’ambizione di entrare a farne parte. È cresciuto in un orfanotrofio, insieme a colui che oggi è noto come Kolja, uno dei maggiori trafficanti di borsa nera. Emmerich ha combattuto nelle trincee, dove una scheggia di granata gli è entrata nella gamba, causandogli dolori che ora cerca di tenere a bada con l’eroina. Ha una compagna, che ama teneramente al pari dei figli di lei, ma anche lì la sorte gli gioca un brutto scherzo. Eppure continua a credere nella giustizia e caparbiamente manda avanti la sua pericolosa indagine usando mezzi leciti e illeciti, correndo rischi enormi, svelando segreti che coinvolgono personaggi potenti.

Consigliato: “Il profumo bruciò i suoi occhi “

La Libreria Fahrenheit 451 vi consiglia:

Il profumo bruciò i suoi occhi
di Michael Imperioli
Ed. Neri Pozza
Traduzione di Serena Prina

imperioli«Vivido e avvincente, Il profumo bruciò i suoi occhi convince con la forza della sua intensità emotiva».
Joyce Carol Oates

«Da Jackson Heights a Manhattan, in compagnia di uno strano mentore: Lou Reed».
New York Post

Michael Imperioli è anche attore e sceneggiatore, famoso per il ruolo di Christopher Moltisanti nella serie I Soprano, questo è il suo primo romanzo ed è la storia di un ragazzino senza padre, con una madre in grave stato di depressione di cui si deve occupare. ll diciassettenne cresciuto nel Queens scopre che nel palazzo in cui sono andati ad abitare c’è un inquilino straordinario: si tratta di Lou Reed che incredibilmente diventa il suo mentore.
Tra gli impegni scolastici e le uscite notturne insieme a Lou Reed, Matthew ha il tempo di innamorarsi perdutamente di una compagna di scuola bella, intelligente e tenebrosa, Veronica, che lo coinvolge in una sordida avventura sessuale.
Consigliato a chi ama Lou Reed e ha nostalgia degli anni 70.

Consigliato: “Salvare le ossa”

La Libreria Fahrenheit 451 vi consiglia:

Salvare le ossa
di Jesmyn Ward
Edizioni NNE
Tradotto da Monica Pareschi

salvare le ossaSalvare le ossa racconta la vita di ogni giorno con la forza del mito, e celebra la lotta per l’amore a dispetto di qualunque destino, non importa quanto cieco e ostile. Con una lingua intensamente poetica, dove ogni parola brucia come una lacrima non versata, Jesmyn Ward ci trascina di pagina in pagina in un vortice di sole, vento, sangue e pioggia, lasciandoci, alla fine, commossi e senza respiro.

Un uragano minaccia di colpire Bois Sauvage, Mississippi. In un avvallamento chiamato la Fossa, tra rottami, baracche e boschi, vivono Esch, i suoi
fratelli e il padre. La famiglia cerca di prepararsi all’emergenza, ma tutti hanno altri pensieri: Skeetah deve assistere il suo pitbull da combattimento dopo il parto; Randall, quando non gioca a basket, si occupa del piccolo Junior; ed Esch, la protagonista, unica ragazzina in un mondo di uomini, legge la storia degli Argonauti, è innamorata di Manny, e scopre di essere incinta. Nei dodici giorni che scandiscono l’arrivo della tempesta, il legame tra i fratelli e la fiducia reciproca si rinsaldano, uniche luci nel buio della disgrazia incombente.

Recensione: “La vendetta del perdono”

Recensione di Silvia Signaroldi

La vendetta del perdono
di Eric-Emmanuel Schmitt
edizioni E/O

vendettaCon una scrittura magnifica, semplice e ricca, Schmitt assesta alle nostre emozioni latenti e assopite quattro incalzanti racconti: l’invidia di una gemella insoddisfatta, la dolcezza di una mamma inadatta, l’abilità psicologica di una madre annientata, la poesia di un vecchio e una bambina tra aerei, volpi e rose.
Ogni racconto colpisce un’emozione: un cinismo che ricorda un po’ il Roald Dahl dei racconti per adulti, la forza dell’opera di Madama Butterfly, il coraggio per affrontare, guardare in faccia e punire l’assassino della figlia, la poesia del ritorno alla vita di un vecchio guidato dalla mano di una dolce e decisa bambina.
Schmitt sembra dirci: accidenti, disseppellite quel piccolo straccio di umanità che forse vi è rimasto in fondo al cuore! Da che parte state, con la gemella buona o con la cattiva? Non vergognatevi di dire che avete amato un aereo e un piccolo principe e una piccola volpe. E perdonate davvero quando volete davvero vendicarvi. E ogni tanto, davanti a una decisione cruciale, chiedetevi: cosa avresti fatto tu, povera ingenua semplice ritardata dolce e generosa in mezzo a tanto cinico vincente egoismo? E se è quella la soluzione è giusto ne rimaniate turbati, è giusto anche piangere, finalmente, in un mondo che non si scompone più per nulla.

Dal Mississippi al Po 2018

La Libreria Fahrenheit 451 vi aspetta al Festival Musicale Letterario, con tanti scrittori oltre alla musica.

po

Scarica il programma qui: festival blues 2018

oppure visita il sito: www.festivaldalmississippialpo.com