"Ci sono crimini peggiori del bruciare libri. Uno di questi è non leggerli" J.Brodsky

Ultima

Incontro con l’autore Alan Pauls

Sabato 17 marzo alle ore 18 la libreria Fahrenheit 451 ospita l’incontro dal titolo Trilogia della perdita, in cui Alan Pauls, uno dei più importanti scrittori argentini contemporanei, dialoga con Sara Carini.

ALAN PAULS LIBRERIA FAHRENHEIT 451

Gli anni Settanta in Argentina: epoca complessa, di utopie radicali, colpi di stato e terrore. Lo scrittore Alan Pauls sceglie di raccontare uno dei periodi più convulsi della storia Argentina recente con tre storie che si costruiscono su poche ossessioni: il pianto, i capelli, il denaro. Raccontare quindi un’epoca di perdita attraverso oggetti che materialmente si possono perdere: uno dei più originali esperimenti della letteratura latinoamericana contemporanea.

Annunci

Incontro con l’autrice Alessandra Santelli

Venerdì 16 marzo alle ore 18,30 Alessandra Santelli, illustratrice, sarà ospite alla Fahrenheit 451 per raccontarci del suo nuovo libro “Un fiore“, edito da Barometz che con questo titolo ha inaugurato una collana di libri illustrati.

Fiore racconta una storia semplice e poetica di bambini e di fiori. Quattro colori e linee pulite per raccontare la grandezza delle piccole cose e l’importanza di imparare ad essere se stessi. Non sempre è il confronto con gli altri a darci la misura di ciò che siamo.

fiore due

E’ un cigno o un rinoceronte? E’ un Cignoceronte. Nulla è impossibile se sfogli un libro e credi nei sogni. Arrivano in libreria i primi titoli di Barometz, la neonata casa editrice creata dalle due napoletane Ada Natale (disegnatrice) e Luisa Passerotti (architetto). Amiche e compagne di banco dalla prima elementare. Il primo titolo è “Un fiore” testo e illustrazioni di Alessandra Santelli (Codogno), primo testo bilingue della collana Cignoceronte. Una storia semplice e poetica di bambini e di fiori. Quattro colori e linee pulite per raccontare la grandezza delle piccole cose e l’importanza di imparare ad essere se stessi. Non sempre è il confronto con gli altri a darci la misura di ciò che siamo. “Cignoceronte” è una collana rivolta a piccoli e giovani lettori desiderosi di esplorare la realtà attraverso il gioco e la fantasia, ma al tempo stesso strizza l’occhio a un pubblico adulto capace di custodire in sé una purezza sognante nella conoscenza del mondo. “Abbiamo cercato di creare libri immediati stimolanti- ecco perché per esempio alcuni sono bilingue- spiegano Natale e Passerotti – E le storie della collana Cignoceronte sono destinate anche ai docenti delle scuole elementari e medie come insolito ed efficace strumento didattico per lo studio delle lingue, nonché come ausilio psicopedagogico nella formazione e nella crescita degli scolari. In sella al Cignoceronte, capace di voli leggeri eppure ben saldo al suolo, nell’avventurosa scoperta di sé tutto può diventare possibile”. Gli atri due titoli sono della collana Vivi/Sezioni: “Faccia di Capra” con illustrazioni di Paola Pedrizzi (Salerno) sul testo liberamente riadattato dall’omonima fiaba di Giambattista Basile tratta da “Lu cunto de li cunti” e Verdeprato” con illustrazioni di Luca Marcenaro (Genova) sul testo liberamente riadattato dall’omonima fiaba di Giambattista Basile tratta da “Lu cunto de li cunti”. La casa editrice Barometz (lo stesso nome rimanda al bestiario fantastico di Borges) nasce nell’autunno 2016, come una sfida. “Il nostro lavoro è una continua ricerca di piccole meraviglie letterarie – spiega Ada Natale – tra nuove voci, grandi classici troppo presto dimenticati e testi di autori stranieri mai tradotti in italiano. Ci dedichiamo soprattutto alla ricerca di testi brevi, essenziali e incisivi, che si possano tradurre immediatamente in immagini: tutti i nostri libri sono impreziositi da illustrazioni, che nascono dal continuo confronto con gli artisti che collaborano con noi”.

Alessandra Santelli è un illustratrice, ha studiato prima all’Accademia di Belle Arti di Brera (Milano) e poi alla Scuola Internazionale di Comics di Reggio Emilia. Insieme a Giulia Pintus ha aperto Foglie al vento, bellissimo laboratorio di illustrazioni a Piacenza in via Roma. Oltre all’arte, i suoi interessi includono la fotografia, libri, dolci e CD dei Beatles

“Viaggio sul fiume” di Robert Nathan

Consigliatissimo da Libreria Fahrenheit 451:

Viaggio sul fiume
di Robert Nathan
(Atlantide)

viaggio-fiumeChe cosa ricorderanno di noi, alla nostra morte, le persone che amiamo? Ricorderanno le cose che abbiamo fatto per loro, o l’affetto con cui abbiamo punteggiato le loro giornate? Terranno salda la nostra memoria o, piuttosto, il nostro pensiero sarà destinato a svanire con gli anni?

Minerva Parkinson teme che il suo Henry rammenterà solo la casa in ordine, e un piatto caldo sempre a disposizione. Teme che la ricorderà solo come una casalinga, dimenticando tutti i momenti felici, tutto l’amore. Così, quando scopre di avere meno di un anno di vita, decide di non perdere altro tempo e sceglie di creare per Henry un ricordo memorabile, di realizzare per lui un sogno. Vende le sue obbligazioni e acquista una barca per partire insieme in un viaggio lungo il fiume Missouri, fino a St. Louis, e poi a New Orleans. Quella che dovrebbe essere una lunga e serena vacanza che precede l’addio, si trasforma però completamente con l’imbarco a Nebraska City del misterioso e affascinante Mr. Mortimer, esperto navigatore, e della giovane e graziosa parrucchiera Nora, dai grandi occhi chiari e dall’incerta salute.

In Viaggio sul fiume, insieme a Ritratto di Jennie tra i vertici assoluti della sua vasta opera, Robert Nathan traccia i confini della vita e della morte, e dell’amore, fra quello che siamo e quello che avremmo voluto essere, fra il nostro destino e le decisioni che precedono il nostro congedo dal mondo.

Aveva dato a Henry così poco, rifletté, di quello che lui desiderava maggiormente. Dai a un uomo amore, asparagi, gli mandi avanti la casa, ma quanto riesci ad avvicinarti al suo cuore più segreto? Il suo cuore più segreto era un filo di pesci persico su una stecca, o un nuovo tipo di incrocio. Era una ragazza, o era la fama; era un viaggio a New Orleans… su una vecchia casa galleggiante ormeggiata accanto a un pontile.

Incontro con l’autore Luca Ricci

Alla libreria Fahrenheit 451, lunedì 12 marzo alle ore 18:30

sarà ospite lo scrittore Luca Ricci
con il suo romanzo “Gli autunnali” (La Nave di Teseo).
L’autore dialogherà con Sara Carini.
al termine aperitivo e firmacopie.

autunnali due

Luca Ricci, dopo aver incantato critica e lettori con i suoi racconti, esordisce nel romanzo con un sillabario contemporaneo del sentimento amoroso e delle manie di oggi, un ritratto spietato degli uomini e delle loro passioni.

Un uomo, al rientro dalle vacanze d’agosto, è prigioniero del suo stanco rapporto matrimoniale. La moglie Sandra è ancora bella, ma lui non riesce più a provare desiderio per lei. Durante una passeggiata solitaria in un mercatino di Roma, l’uomo viene attratto da un vecchio volume sugli artisti di Montmartre, e rimane stregato dall’immagine di Jeanne Hébuterne, la compagna di Amedeo Modigliani. Scocca un particolare colpo di fulmine e Jeanne diventa per il narratore un’ossessione. L’uomo strappa la foto, la piega con cura e inizia a portarla sempre con sé, nella propria tasca. Tutto sembra avvenire soltanto nella sua mente, almeno fin quando sua moglie Sandra non invita a cena una vecchia cugina, Gemma, che all’uomo appare identica in tutto e per tutto a Jeanne. E l’ossessione inizia a riversarsi nella realtà, fatalmente, mentre l’autunno romano avvolge le cose nella sua luce struggente e diafana.

Incontro con l’autore Alberto Esse

Venerdì 9 marzo 2018 alle ore 18.30 presso la Libreria Fahrenheit 451:

mesi come anni

“Mesi Come Anni, Alberto Esse e il ’68 a Piacenza”: conferenza di presentazione dell’omonimo pamphlet. La conferenza vedrà la presenza di due protagonisti di quella stagione: Alberto Esse, autore del pamphlet, come relatore, e Adriano Corsi che introdurrà il tema.

“Mesi come anni” dà conto innanzitutto di un’esperienza personale che coprendo l’intero arco di quegli anni, traccia anche una quadro complessivo degli avvenimenti che hanno caratterizzato quel movimento a Piacenza. Gli avvenimenti sono ricostruiti in ordine cronologico attraverso documenti originali dell’archivio personale dell’autore con riferimento agli aspetti di denuncia della guerra del Vietnam, alla lotta degli studenti e, in particolare, al movimento artistico denominato poi “Arte del ‘68”

(dall’introduzione di “Mesi come anni”)

Incontro con gli autori Del Vecchio e Fini

RIMANDATO CAUSA MALTEMPO A DATA DA DESTINARSI!

La Libreria Fahrenheit 451 vi invita:

COMPAGNIA DELLE PIANTE LOC

Venerdì 2 marzo alle ore 18,30 Presentazione del romanzo di Ludovico Del Vecchio, “La compagnia delle Piante” (elliot) e del volume “Amico Albero” (ETS edizioni) di Francesco Ferrini e Alessio Fini. Oltre agli autori sarà presente Stefano Lorenzi, Tree Climber. I libri, un giallo e un saggio, ci faranno comprendere come gli alberi in città sono indispensabili alla nostra vita.

UN GIALLO AVVINCENTE CHE INAUGURA UN NUOVO GENERE: IL GREEN THRILLER. Jan De Vermeer, poliziotto di volante della questura di Modena, vive un periodo di depressione. Il suo cane Pagliuca è morto e lui si sente così solo che l’alcol rischia di diventare la sua unica, pericolosa, compagnia. Un giorno, rovistando nel garage, ritrova una vecchia bicicletta da corsa e una vanga. Jan decide di ripartire da questi due oggetti per rimettere in sesto la sua vita. Comincia così a pedalare nel cuore della notte, armato di vanga e piantine per dare il via alla sua personale crociata verde per rivalutare le rotonde stradali trascurate: nasce così la fantomatica Compagnia delle piante. Mentre la sua guerrilla gardening prende piede, in città si verificano efferati omicidi seriali preceduti da lettere minatorie, Jan non vuole occuparsi del fatto, finché una di quelle lettere non arriva anche a lui…

Negli ultimi anni è cresciuta notevolmente la percezione degli spazi verdi come il principale mezzo per sostenere una vita sana nelle aree urbane. I positivi collegamenti tra presenza di spazi verdi e salute sono stati riconosciuti nel corso della storia e sono stati una delle forze trainanti del movimento per i parchi urbani del 19° secolo in Europa e Nord America. Nel 21° secolo le nuove tecniche di ricerca offrono l’opportunità di studiare i meccanismi alla base dell’associazione tra spazi verdi e salute, in modo da soddisfare gli standard scientifici contemporanei e informare, con ricerche replicabili, le istituzioni, i tecnici, ma soprattutto i cittadini.
In questo libro sono riassunti e commentati, con oltre 300 citazioni bibliografiche, i più recenti dati disponibili sugli effetti benefici del verde urbano, come ad esempio il miglioramento della salute mentale, la ridotta morbilità e mortalità cardiovascolare, nonché gli effetti positivi riguardanti l’inquinamento atmosferico, i cambiamenti climatici, il rumore e il calore in eccesso. Una parte è poi dedicata anche ai problemi talvolta determinati dalla presenza delle piante.
Amico Albero è un libro pragmatico e realista, scritto con rigore, ma anche con attenzione al lettore non specialista e agli appassionati del verde, che potranno facilmente trovare informazioni utili e accrescere le loro conoscenze sull’argomento.

Promozione Sellerio

La Libreria Fahrenheit 451 vi segnala la promozione Sellerio “Gli Imperdibili” per tutto il mese di febbraio:

imperdibili