"Ci sono crimini peggiori del bruciare libri. Uno di questi è non leggerli" J.Brodsky

Articoli con tag “Alberto Esse

Incontro con l’autore Alberto Esse

Venerdì 9 marzo 2018 alle ore 18.30 presso la Libreria Fahrenheit 451:

mesi come anni

“Mesi Come Anni, Alberto Esse e il ’68 a Piacenza”: conferenza di presentazione dell’omonimo pamphlet. La conferenza vedrà la presenza di due protagonisti di quella stagione: Alberto Esse, autore del pamphlet, come relatore, e Adriano Corsi che introdurrà il tema.

“Mesi come anni” dà conto innanzitutto di un’esperienza personale che coprendo l’intero arco di quegli anni, traccia anche una quadro complessivo degli avvenimenti che hanno caratterizzato quel movimento a Piacenza. Gli avvenimenti sono ricostruiti in ordine cronologico attraverso documenti originali dell’archivio personale dell’autore con riferimento agli aspetti di denuncia della guerra del Vietnam, alla lotta degli studenti e, in particolare, al movimento artistico denominato poi “Arte del ‘68”

(dall’introduzione di “Mesi come anni”)

Annunci

Incontro “L’idea rubata”

Venerdì 1° aprile (e non è uno scherzo…) ore 18.30 alla Libreria Fahrenheit 451

L’IDEA RUBATA. IL FURTO DELLE IDEE NEL MONDO DELL’ARTE

interventi di Sandra Ercolani e Alberto Esse

aprile.jpg

Come nasce un’idea? Chi sono i ladri di idee? Come è possibile stabilire chi ha rubato a chi?
In seguito al furto avvenuto alla libreria Farhenheit 451 il 29 febbraio scorso, è nata questa idea.

Alcune idee nascono per puro caso, l’importante è avere una mente sempre pronta ed in movimento.
Lo scopo di questo incontro è quello di riflettere attraverso una carrellata di immagini raccolte sul web, chi sono i parassiti delle idee altrui. Che differenza c’è tra l’ispirarsi ad un’idea ed invece rubarla. Il mondo delle arti è una vera giungla e l’avvento di internet non ha di certo aiutato. E’ vero che i creativi non devono spaventarsi di questo perché chi sa creare ed ha una fervida immaginazione continua ad andare avanti nel proprio percorso produttivo, mentre chi ruba le idee altrui si ferma ad una copia senza anima. Il problema è il mercato, la crisi , ed i consumatori poco attenti che spesso e volentieri non sono informati sull’opera che stanno acquistando . Può capitare infatti, che l’acquirente una volta soddisfatto dall’aspetto estetico del prodotto, vada diretto a voler scoprire il prezzo e niente altro . che generalmente per una copia è molto inferiore dell’originale non essendoci dietro tutto il tempo dedicato alla ricerca ed alla sperimentazione. Questo a lungo andare può nuocere. Ancora peggio, se a rubare l’idea ad un designer emergente, è un marchio conosciuto.
Esistono anche dei furti autorizzati. Quali? Per scoprirlo dovrete passare in libreria venerdì 1 aprile, correndo il rischio che sia un pesce d’aprile.