"Ci sono crimini peggiori del bruciare libri. Uno di questi è non leggerli" J.Brodsky

Presentazione “La Madonna Sistina di Raffaello” alla Ricci Oddi

La Libreria Fahrenheit 451  vi invita Giovedì 20 giugno alle ore 18, alla Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi (Via San Siro, 13 Piacenza) alla presentazione del libro:

“La Madonna Sistina di Raffaello – Storia e destino di un quadro” (edizioni Quodlibet) a cura di Eugenio Gazzola.

Interverranno: Vittorio Anelli, Giuseppe Busani, Fabio Milana

invito

Questo libro è un percorso attraverso le innumerevoli storie che la Madonna Sistina, la maestosa opera creata da Raffaello tra il 1512 e il 1513 (esattamente cinque secoli fa) ha attraversato e ha ispirato. Una narrazione, articolata e avvincente, delle sue peregrinazioni: dal monastero benedettino di San Sisto a Piacenza, per il quale fu commissionata da papa Giulio II, alla collezione di opere d’arte di Augusto III di Sassonia a Dresda, fino all’approdo a Mosca – portata in trionfo dalla vittoriosa Armata Rossa –, dove fu idolatrata dai russi come raramente era capitato a una icona non ortodossa, e quindi il ritorno a Dresda, la sua «patria tedesca», al culmine di una nebulosa trattativa non priva di intrighi.

Il libro è anche l’esposizione dell’impatto che lo spazio post-rinascimentale e pre-cubista di questo quadro ebbe sull’arte contemporanea, da Cézanne a Picasso, da Malevič a Schwitters, fino a Warhol, divenendo in breve l’immagine più famosa e riprodotta del mondo.

Ma è inoltre un’esperienza più intima, un racconto di sguardi, un catalogo delle molteplici, e sempre profonde, impressioni che la Madonna Sistina produsse in uomini tanto diversi fra loro – Dostoevskij e Freud, Goethe e Schopenhauer, Florenskij e Benjamin, Hegel e Nietzsche –, fino alla sorprendente esclamazione di un sergente sovietico, il quale così descrive la sua meraviglia di fronte al quadro ritrovato in un tunnel ferroviario dove era stato nascosto dai tedeschi per proteggerlo dai bombardamenti: «Non è la Ma­dre di Dio, ma solo una poveretta come mia moglie, scalza e con un bambino in braccio». Ed è forse in questa inestricabile commistione di devozione cattolica alla ma­dre di Dio, di emblema degli ideali di umanità nel cuore dell’Europa riformata e di modello di franca sensualità terrena, che sta il segreto della Madonna, che Grossman poté immaginare nel cuore di Treblinka come testimone dell’indomabilità della vita offesa.

Scheda libro

Segreteria organizzativa:
Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi
Via San Siro, 13 – 29121 Piacenza
tel-fax 0523/320742
info@riccioddi.it
www.riccioddi.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...