"Ci sono crimini peggiori del bruciare libri. Uno di questi è non leggerli" J.Brodsky

Thriller

Consigliato: “Millennium 4 – Quello che non uccide”

La Libreria Fahrenheit 451 vi consiglia il 4° capitolo della saga “Millennium”:

Millennium 4 – Quello che non uccide
di David Lagercrantz
(Marsilio, Giallo svezia)

millennium4LISBETH SALANDER E MIKAEL BLOMKVIST SONO TORNATI

Da qualche tempo Millennium non naviga in buone acque e Mikael Blomkvist, il giornalista duro e puro a capo della celebre rivista d’inchiesta, non sembra più godere della popolarità di una volta. Sono in molti a spingere per un cambio di gestione e lo stesso Mikael comincia a chiedersi se la sua visione del giornalismo, per quanto bella e giusta, possa ancora funzionare. Mai come ora, avrebbe bisogno di uno scoop capace di risollevare le sorti del giornale insieme all’immagine – e al morale – del suo direttore responsabile. In una notte di bufera autunnale, una telefonata inattesa sembra finalmente promettere qualche rivelazione succosa. Frans Balder, un’autorità mondiale nel campo dell’intelligenza artificiale, genio dell’informatica capace di far somigliare i computer a degli esseri umani, chiede di vederlo subito. Un invito che Mikael Blomkvist non può ignorare, tanto più che Balder è in contatto con una super hacker che gli sta molto a cuore. Lisbeth Salander, la ragazza col tatuaggio della quale da troppo tempo non ha più notizie, torna così a incrociare la sua strada, guidandolo in una nuova caccia ai cattivi che punta al cuore stesso dell’Nsa, il servizio segreto americano che si occupa della sicurezza nazionale. Ma è un bambino incapace di parlare eppure incredibilmente dotato per i numeri e il disegno a custodire dentro di sé l’elemento decisivo per mettere insieme tutti i pezzi di quella storia esplosiva che Millennium sta aspettando.

Annunci

Consigliato: “La notte del professor Andersen”

La Libreria Fahrenheit 451 vi consiglia:

Dag Solstad
La notte del professor Andersen
(Iperborea)

solstadSolo nel suo appartamento, il professor Andersen, cinquantacinquenne divorziato, docente di letteratura all’università di Oslo, sta festeggiando con solennità il Natale: l’albero decorato, l’abito elegante, la cena tradizionale. Mentre medita sul senso di appartenenza che gli dà abbandonarsi con «semplicità infantile» a quel rito collettivo, vede da una finestra della casa di fronte un uomo che strangola una donna. Afferra il telefono per avvertire la polizia, ma poi riaggancia, non chiama, e giorno dopo giorno continua a rimandare, finché la sua esitazione si trasforma in una totale paralisi della volontà. Perché è incapace di denunciare un omicidio? Perché è sempre più affascinato dall’assassino e ne spia ogni movimento, fino al momento in cui si troveranno faccia a faccia?

Un inizio da Finestra sul cortile alla Hitchcock per quello che diventa un geniale «giallo di inazione», in cui la suspense è data non dall’indagine sul delitto, ma dalla crisi del testimone e dalla sua ossessiva autoanalisi che finisce per coinvolgerci in una spirale di provocatori interrogativi. Esiste un fondamento assoluto alla morale? La letteratura e l’umanesimo sono ancora in grado di influire sulla coscienza? Non consegnare un assassino vuol dire contravvenire a uno dei cardini della società o rifiutarsi di scagliare la prima pietra?

Con un romanzo esistenziale tra Čechov e Thomas Bernhard, Dag Solstad indaga sui temi di colpa e responsabilità, radicalismo e compromesso, ribellione e omologazione, chiedendosi qual è il ruolo dei valori culturali, filosofici, religiosi e morali nell’uomo e nella società di oggi.


Consigliato: “Cenere” di Yrsa Sigurdardóttir

La Libreria Fahrenheit 451 vi consiglia:

“Cenere”
di Yrsa Sigurdardóttir
(Il Saggiatore)

Cenere22 gennaio 1973, sudovest dell’Islanda, isola di Heimaey. Un’inaspettata eruzione vulcanica investe un villaggio di pescatori. La popolazione viene evacuata in tempo, ma gran parte delle case finisce sepolta sotto strati di lava e cenere. 9 luglio 2007. Un progetto archeologico si propone di riportare alla luce alcune delle abitazioni. Markús – un ragazzo all’epoca della tragedia – insiste per essere il primo a entrare nel seminterrato della casa di famiglia, al punto di convincere l’avvocato Thóra Gudmundsdóttir a stipulare un accordo con la direzione degli scavi. Il sopralluogo porta a una macabra scoperta: i corpi di tre uomini e una scatola con la testa di un quarto. Markús sostiene di essere all’oscuro di tutto, ma i sospetti si concentrano su di lui, e l’unica persona che potrebbe discolparlo – la passione della sua adolescenza, la donna della quale voleva recuperare il dono d’amore dallo scantinato – muore poco dopo in circostanze misteriose. Ogni indizio sembra inchiodarlo, eppure Thóra è convinta dell’innocenza di Markús, e il solo modo che ha per scoprire la verità è indagare personalmente. Nel villaggio remoto e isolato, però, si rende conto che molti racconti risalenti ai giorni dell’eruzione non combaciano, e che un velo di silenzio e omertà sembra circondare le vicende della famiglia di Markús.


“La morte è un sospiro nel silenzio”

La Libreria Fahrenheit 451 vi propone la recensione del libro giallo:

LA MORTE È UN SOSPIRO NEL SILENZIO
di CILLA e ROLF BöRJLIND
edizioni NORD

nordDopo l’ottimo esordio nella letteratura della coppia di sceneggiatori Borjlind una gradita conferma.
Anche questo è un ottimo romanzo, i personaggi sono gli stessi, ancora meglio definiti rispetto al primo, con qualche nuovo ingresso, anche questo interessante.
Ancora una volta la trama è avvincente, il ritmo serrato, come può esserlo per degli scandinavi, il romanzo è scorrevole e assolutamente convincente.
Senza esagerare è davvero il prosieguo di una promettente carriera per due autori in grado di rendere piacevole una storia decisamente cupa, con risvolti pesanti.
Come nel primo romanzo l’unico appunto, non me ne vogliano gli appassionati del genere nordico, è che, posto che la partenza è meno lenta e comunque il romanzo non ne risente tanto, lo scorrere della storia rimane meno veloce di come te l’aspetti e di come la storia meriterebbe, pur mantenendo altissima la tensione e il coinvolgimento.
A mio parere rimangono perfettamente allineati con Larsson, Nesser, Mankell e gli altri scandinavi, che ricordano, come ritmo ed ambientazione.
Ribadisco comunque una mia impressione: occorre perciò rammentare sempre che la Svezia, in quanto ad usi, costumi, comportamenti, non è l’Italia e nemmeno gli Stati Uniti, per cui…
Ciò detto mi metto in attesa dei prossimi romanzi di questa serie che sarà, ne sono convinto, assolutamente di successo e che saprà appassionare i numerosi amanti del genere.

Alessandro Dosi


Consigliato: “Il mistero di Oliver Ryan”

La Libreria Fahrenheit 451 vi consiglia nella sezione gialli:

Il mistero di Oliver Ryan
di Liz Nugent
(Neri Pozza)

oliver ryanOliver Ryan è un uomo sicuro di sé. Unisce, come dice Michael, suo amico sin dai tempi dell’università, «un’avvenenza poetica» a modi compiti e riservati. Una combinazione irresistibile per le numerose fanciulle da lui sedotte in gioventù, quando se ne andava in giro come un divo del cinema coi suoi completi di lino e gli occhi scuri da bel tenebroso. Una combinazione irresistibile anche per tv e media dublinesi, che fanno a gara per averlo nei talk show e sulle pagine delle riviste patinate. Oliver Ryan è, infatti, uno scrittore famoso, uno dei più noti autori irlandesi di libri per bambini. Come sovente accade agli uomini di successo, ha una compagna dolce e carina: Alice, che illustra magnificamente le sue opere, ma rifugge le luci della ribalta ed è così schiva che non vuole nemmeno rivelare che l’illustratrice dei volumi di Vincent Dax – il nom de plume di Oliver – è sua moglie. Una sera di novembre del 2011, dopo una cenetta deliziosa a base di tajine di agnello, roulade con i lamponi e Sancerre, accade l’irreparabile. Nella casa della coppia, situata nell’elegante Pembroke Avenue, Oliver picchia così selvaggiamente Alice da ridurla in coma… un corpo inerte disteso per terra, la testa e il tronco curvi come un punto interrogativo. La notizia fa subito il giro di tv e giornali. Com’è possibile che il carnefice dell’illustratrice sia proprio Vincent Dax? Lo scrittore venerato da un ampio pubblico per i suoi modi cortesi e per l’irresistibile fascino della sua persona? Possibile che sotto la maschera di marito esemplare e di celebre star della letteratura si celi in realtà uno psicopatico violento? Chi è davvero Oliver Ryan? A queste e ad altre domande è chiamata a rispondere la cerchia degli amici più intimi e dei conoscenti della coppia: Michael, l’amico gay di gioventù; Moya, la logorroica e truccatissima attrice vicina di casa; Barney, l’ex fidanzato di Alice, «un perdente – secondo Oliver – salito sul ring con un avversario molto più pesante di lui»; e molti altri. Come in uno spietato interrogatorio, sotto gli occhi del lettore si dipanano i dettagli di una vita soltanto in apparenza esemplare. A chiarire, tuttavia, il mistero di Oliver Ryan sarà soprattutto lui, lo scrittore, in una raggelante ricostruzione della propria esistenza. E soltanto alla fine, con un colpo di scena magistrale, il lettore verrà a capo della sua vera natura. Con una scrittura potente, capace di costruire un personaggio memorabile nella sua disarmante amoralità, e di intrecciare una trama così verosimile da sembrare ispirata a un autentico caso di cronaca, Liz Nugent si segnala come il nuovo grande talento della scena letteraria noir.