Consigliato: “Gli osservati”

La Libreria Fahrenheit 451 consiglia il giallo:

“Gli osservati”
di Jennifer Pashley
(Carbonio Editore)

osservati“Poteva morire sul divano come era morta sua madre. Invece comprò un’auto diversa, mise un po’ di cose nel bagagliaio e si trasferì a nord. Sentiva di averla scampata.”

Spring Falls, Stati Uniti: un freddo e desolato angolo di mondo dove si fa la stessa vita da sempre e tutti si conoscono da generazioni. Eppure c’è chi viene qui per ricominciare, o almeno per provarci. Come Kateri Fisher, la giovane detective arrivata da lontano, che sa riconoscere una vittima dallo sguardo.
E così quando incontra per la prima volta Shannon Jenkins, diciannove anni, indiziato per l’omicidio di sua madre, non riesce a credere che sia stato lui a spargere tutto quel sangue e a bruciare il cadavere di Pearl Jenkins; o che non ci sia nulla di strano nel fatto che madre e figlio vivessero in una casa isolata in mezzo al bosco, lontano dagli sguardi di tutti…
Dopo Il caravan, Jennifer Pashley torna con un thriller ipnotico e disturbante, che con una prosa vivida e poetica ritrae l’America dei dimenticati, dei dannati, rischiarata da spiragli
di bellezza abbagliante.

Jennifer Pashley è nata e vive a Syracuse (NY). I suoi racconti, apparsi su diversi giornali e riviste, sono stati pubblicati nelle raccolte States (2007) e The Conjurer (2013). Ha vinto il Red Hen Prize for Fiction e il Carve Magazine Esoteric Award for LGBT Fiction.
Di Jennifer Pashley Carbonio Editore ha già pubblicato Il caravan (2020), eletto miglior libro dell’anno dal blog di cultura americana Roots Highway. Gli osservati è il primo capitolo della serie con protagonista la detective Kateri Fisher.

I commenti sono chiusi.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑